Tamìa l'oro verde della Tuscia, raccolto 2015


Anche quest'anno è giunta la raccolta delle olive e la nuova campagna olearia e quale Azienda migliore della Tuscia potevamo visitare sennò Tamìa?.... Pietro Re da pochi anni ha raccolto l'eredità di una Storica famiglia di Vetralla i "Delle Monache" già produttori di olio di qualità sin dal 1928, ma da quanto raccontatomi dalla "memoria storica" dell'Azienda, il Signor Francesco Delle Monache, addirittura, la loro storia legata all'olio, affonda le radici addirittura a fine ottocento.

L'azienda si trova nel comune di Vetralla e più precisamente in località Ucciano nei pressi della necropoli etrusca di Norchia, e infatti il nome Tamìa viene dall'etrusco "domestico,fatto in casa" e proprio la loro cura nel produrre olio di qualità, preferiscono seguire personalmente tutti i processi di lavorazione a partire dalla terra fino ad arrivare al frantoio.
Per quest'ultimo, si sono affidati alla cooperativa di Blera "Colli Etruschi" anch'esso da alcuni anni porta bandiera dell'olio di qualità made in Tuscia.

Le cultivar che l'azienda produce sono in gran parte autoctone come ad esempio la D.O.P. caninese, ma anche il maurino e il leccino e altre specie presenti sul territorio.

Il Primo ad essere franto è stato il maurino, che ho avuto la fortuna di assaggiare in anteprima insieme a Pietro Re presso la loro azienda.
Quest'olio si distingue per il suo profumo intenso di pomodoro verde e una leggera e gradevole piccantezza senza aggredire il palato anche nella componente grassa, almeno queste sono state le mie sensazioni assaggiando quello non filtrato, che se ne produce in piccolissima parte, ovviamente tutto questo è frutto di un'attenta e accurata selezione delle olive, ma più di tutti capire quando è il momento giusto per raccogliere, visto che parliamo di una varietà che viene franta "prematura" proprio perchè in questo modo il frutto in questione, riesce ad esprimersi al meglio, ovviamente fa la differenza anche il fatto che non trascorrono più di due ore dalla raccolta alla frangitura.

Qui si producono quattro diverse varietà di olio, il mono cultivar maurino (Tamìa Green) il blend (Tamìa Gold  biologico DOP Tuscia, 50% leccino, 40% frantoio e 10% maurino) il blend (Tamìa Bronze DOP Tuscia  40% Canino, 35& frantoio, 15% leccino, 10% moraiolo) e in fine il mono cultivar ( Tamìa Iron caninese 100%)

In questi ultimi anni l'azienda Tamìa ha raccolto innumerevoli riconoscimenti anche a carattere internazionale tra cui, New York International Competition Olive Oil: nella categoria “Blend Medium” la medaglia d’Oro (Gold Award), Il secondo award proviene dall’AVPA di Parigi (Agenzia per la valorizzazione dei prodotti agricoli): Diplome Produit Gourmet, categoria fruttato medio per Tamia Gold Biologico e Best of Show, miglior olio al mondo 2015 emisfero nord, nella sezione “Oli Delicati Internazionali” Best of Class, Italy South Blends, Delicato, Gold Medal, Delicato,  Silver Medal nella categoria Innovative Design, Packaging. 
l'origine del nome Tamìa

foto di famiglia dei primi del novecento

io con Francesco Delle Monache la memoria storica dell'Azienda
le olive di maurino pronte per essere frente 

I teli di raccolta 

Il viale d'ingresso dell'Azienda






Pietro Re 




la "vecchia" e nuova generazione

la raccolta delle olive

Il signor Francesco e le sue olive

I Riconoscimenti

Il Primo Riconoscimento datato 1931



Glio Olii


ne parlano anche i giornali.....


Per info e contatti:
Tamìa 

by Picture
Posta un commento

Post più popolari